Letteratura

Matilde Serao. “Il ventre di Napoli”

“Il giornalista è l’apostolo del bene, esaltatore solo della pace, della virtù, dell’eroismo. Il giornale è la più nobile forma di pensiero” – Matilde Serao Pronunciate da Matilde Serao, prima donna ad aver fondato una testata giornalistica in Italia, queste parole dovrebbero risuonare come un mantra. Così lontane dal giornalismo odierno, in cui schiere di …

Matilde Serao. “Il ventre di Napoli” Leggi tutto »

Vita Sackville-West, “l’adorabile creatura”

Sicuramente non si annoiò durante la sua vita avventurosa, un’esistenza la sua, che condusse  “sempre innamorata”. Vita Sackville-West era una donna appassionata, vivace e brillante, ma anche dotata di grande raffinatezza e buon gusto. La foggia nel vestire era sempre ricercata, originale e stravagante. Così racconta di lei suo figlio Nigel Nicolson, in Ritratto di un matrimonio. …

Vita Sackville-West, “l’adorabile creatura” Leggi tutto »

Elisabeth Bennet e la forza della dignità

“Sono poche le  persone a cui io voglio veramente bene e ancor meno sono quelle di cui io nutro una buona opinione” – Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen Che grinta Elisabeth Bennet, rivoluzionaria protagonista del celebre romanzo Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen. La scrittrice è stata capace di dare vita con la sua penna, a …

Elisabeth Bennet e la forza della dignità Leggi tutto »

“LE SVERGOGNATE”. Un triste spaccato della società siciliana del secolo scorso.

«Cara Lieta, questo tuo libro sul costume delle donne siciliane, sul mito d’ onore, sul comportamento degli uomini siciliani nei fatti d’ amore, e sui pregiudizi atroci che li condizionano, mi pare interessantissimo. Sono convinto che avrà un grande successo perché l’argomento è trattato con grande estro e la lettura è oltremodo piacevole, avvincente come …

“LE SVERGOGNATE”. Un triste spaccato della società siciliana del secolo scorso. Leggi tutto »

CIRCE di Madeline Miller

Nell’approcciare questo romanzo, dimentichiamoci la tradizione scolastica che ci ha abituati a vedere Circe come l’antagonista di Ulisse, come l’ammaliatrice che per un suo capriccio ha tenuto l’eroe greco lontano da Itaca, trasformando i suoi compagni in porci. Ma qual è la vera storia della pharmakis (maga) omerica? Da dove nascono i suoi poteri? L’autrice poggia la stesura del …

CIRCE di Madeline Miller Leggi tutto »

Cordula Poletti, la dantista saffica.

Una delle personalità femminili più colte ed emancipate del ‘900, bella e ribelle. Visse distinguendosi per i suoi atteggiamenti anticonformisti e antiborghesi, di manifesta e dichiarata omosessualità, era incline a indossare abiti maschili, con cappello di feltro e cravatta.  Cordula Poletti, in arte Lina, è stata una scrittrice d’avanguardia e attivista per l’emancipazione femminile. Conseguì …

Cordula Poletti, la dantista saffica. Leggi tutto »

Marina Cvetaeva, una donna orgogliosamente “non per bene”

Io devo essere amata in modo del tutto straordinario per poter amare straordinariamente Marina vive per l’amore e per il dolore che per lei sono inscindibili. Impossibile paragonare la sua poetica ad altri, lei è unica, la voce femminile più alta della poesia russa. E unica è la sua vita vissuta come un romanzo triste.  …

Marina Cvetaeva, una donna orgogliosamente “non per bene” Leggi tutto »

Sibilla Aleramo e il suo amore tossico.

Sibilla Aleramo è stata la prima donna, in Italia, a rifiutare pubblicamente il ruolo tradizionale di madre e di moglie attraverso la propria attività letteraria e giornalistica. Il suo romanzo più importante Una Donna, testo per alcuni aspetti autobiografico, denuncia il ruolo tradizionale della donna attingendo al trauma del suo matrimonio, alla lotta femminista e all’allontanamento dal …

Sibilla Aleramo e il suo amore tossico. Leggi tutto »

Una musa per un poeta: Jane Cooney Baker e Charles Bukowski

Raccolgo la gonna,raccolgo le perline scintillantinere,questa cosa che una volta si muovevaattorno alla carne,e do del bugiardo a Dio,dico che qualsiasi cosa che si muovevacosìo che sapevail mio nomenon dovrebbe mai morirenel senso comune di morire,e raccolgoil suo belvestito,tutta la sua bellezza andata,e parlo a tutti gli dei,dei ebraici, dei cristiani,frammenti di cose che lampeggiano,idoli, …

Una musa per un poeta: Jane Cooney Baker e Charles Bukowski Leggi tutto »

Torna su